Claudio Pelliccioni

The Balmung

Claudio Pelliccioni voce e chitarra BIO

Daniele Livulpi chitarra BIO

Emanuele Brizioli tastiere e synth BIO

Giu Ceniccola batteria BIO

Pablo Sebastian Valles Caruana basso BIO

 

 

The Balmung

Rock Progressivo Italiano

Claudio Pelliccioni

 

Mentanese con tanto di soprannome familiare, si esibisce per la prima volta in pubblico all'età di due anni, per la gioia di parenti e amici, in una nota pizzeria di Moricone.

 

Sin da piccolissimo sviluppa un interesse per la musica e, mentre i suoi coetanei parlano di motori e musica pop, lui ascolta i Beatles, i Pink Floyd e compone poesie con un forte senso del ritmo.

 

Raggiunta la maggiore età acquista con i soldi del proprio lavoro artigiano la prima chitarra elettrica, stimolando una preoccupata reazione da parte del padre, che temeva fosse una cosa pericolosa, e riuscendo finalmente ad esprimere l'angoscia adolescenziale per un amore all'apparenza perduto.

 

Fonda i Brown Jenkin e trova un amico fraterno, Giulio Catarcione, “facevamo progressive senza saperlo”, dicono i due.

 

Dopo una serie di esperimenti, di cambiamenti e progetti, di concerti e concertini scioglie quel gruppo ma non si dà per vinto, continua a comporre, si appassiona al rock progressivo italiano e alle sperimentazioni vocali di Demetrio Stratos, suo mito personale insieme ai quattro di Liverpool.

 

Nel 2007 fonda i The Balmung, in cui coinvolge quasi da subito Daniele Livulpi e, dopo nemmeno due anni, Emanuele Brizioli.

 

Nel tempo si avvicenderanno formazioni e musicisti ma lui non smetterà mai di credere nel progetto e nella possibilità di comporre ottima musica rock in italiano, nonostante le tendenze del mercato musicale al ribasso qualitativo.

 

Nel 2012 produce l'album Le porte della noia e ritrova l'amor perduto della sua adolescenza.

 

Dopo pochi mesi il gruppo “The Balmung” si scompone e ricompone fino al 'ritorno alle origini' dell'attuale formazione, con cui si stanno costruendo nuovi brani.

 

Nel corso degli anni si è accorto che i musicisti hanno problemi e difficoltà simili, ha dunque messo in piedi il progetto Rockin' Mentana all'interno dell'Associazione Culturale La Giraffa Impertinente, di cui è co-fondatore e Segretario.

Sito creato da Scrittura su Misura© di Valentina Cosimati

Foto© di Mauro Terzi, ove non specificato diversamente